Monica di Sardegna

È bello ascoltare racconti accompagnandoli con un bicchiere di vino. Più il vino è buono, più il racconto è intrigante; più il vino è intrigante, più il racconto è buono. E questo parla proprio di un vino rosso a cui tutti chiedevano perché avesse un nome da donna. Lui rispondeva dal bicchiere con un sorriso, pensando a quante storie si sarebbero potute raccontare.

 

MONICA DI SARDEGNA DOCmonica-web

Classificazione: Monica di Sardegna DOC (Denominazione di Origine Controllata)
Uvaggio: Monica 100%
Provenienza: vigna “Audarya”, Serdiana Suolo: terreni calcareo-argillosi a 200 metri sul livello del mare
Clima: mediterraneo, bassa piovosità invernale ed estati ventilate e soleggiate Età media delle vigne: 20 anni
Sistema di allevamento: alberello a spalliera bassa. Densità d’impianto di 5000 ceppi per ettaro e produzione di 60-70 Q.li.

Vendemmia: manuale in piccole ceste da 20 Kg l’una e cernita delle uve all’arrivo in cantina. Ultima decade di ottobre

Vinificazione: dopo una breve macerazione a freddo delle uve, la fermentazione avviene in tini di acciaio a temperatura controllata, 15-18 giorni a 23°C. Affinamento sulle fecce fini per una naturale stabilizzazione del vino

Caratteristiche organolettiche:

  • Colore: rosso rubino dall’unghia violacea
  • Olfatto: intenso con lievi note vegetali tipiche del vitigno
  • Sapore: fresco e piacevolmente morbido, ben equilibrato

Conservazione: al riparo dalla luce, con bottiglia orizzontale, temperatura e umidità controllata 17°C – 70%. Servire ad una temperatura di 18°C
Abbinamenti: pasta al ragù di cernia, trancio di tonno rosso. Agnello in umido, crema di formaggio caprino

Go top